Ecco come funziona una giornata tipo a BigRock!

9:30 – Inizio della lezione. Non è consentito neanche un secondo di ritardo! (vedi Quali sono gli orari di lezione?)
A dipesa della materia, le lezioni vedono alternarsi momenti di spiegazione ed esercizi. Durante la fase di spiegazione, l’insegnante condivide il proprio schermo, mostrando lo svolgimento degli esercizi agli studenti e spiegando le metodologie di produzione. Una volta completata la spiegazione, gli studenti eseguono l’esercizio esattamente come gli è stato illustrato dall’insegnante.

11:30 – Pausa caffè, di circa mezz’ora.

Si riprende l’alternarsi di spiegazioni ed esercizi.

13:30 – Pausa pranzo. Gli studenti possono consumare il pranzo al sacco negli spazi comuni o nelle strutture convenzionate attorno alla scuola (vedi Come posso organizzarmi per il pranzo quando sono a scuola?)

14:30 – Ricominciano le lezioni.

16:30 – Pausa caffè, di circa mezz’ora.

17:00 – “Laboratorio”. Nella maggior parte dei casi, durante l’ultima parte della giornata, l’insegnante esce dalla classe lasciando gli studenti a lavorare in autonomia, spesso per finire un esercizio o provare delle soluzioni alternative a ciò che è stato spiegato. È una fase importantissima per noi, perchè abituiamo gli studenti a prendere confidenza con il problem solving, cioè saper lavorare senza la sicurezza di avere l’insegnante pronto a dare una mano. È un momento anche di “relax” in cui lo studente può rallentare il ritmo lavorativo ed eventualmente svolgere gli esercizi in collaborazione con i compagni.

18:30 – Computer spenti. Tutti a casa. Non ci sono compiti o esercizi da portare finiti per il giorno dopo. (Vedi Devo possedere un computer personale per partecipare ad un Master?). C’è solo da riposarsi e ricaricare le batterie per cominciare di nuovo un’altra giornata intensa.

—– Questo succede più o meno durante tutta la settimana.
A dipesa della materia, le fasi di spiegazione diminuiranno rispetto a quelle di esercizio durante gli ultimi giorni, dove ogni studente sarà chiamato a personalizzare il proprio lavoro. Verrà poi consegnato e valutato dall’insegnante.